image

Festival delle Città, obiettivi comuni e gioco di squadra per lo sviluppo del movimento sportivo italiano

02/10/2019

Festival delle Città, obiettivi comuni e gioco di squadra per lo sviluppo del movimento sportivo italiano
Festival delle Città, obiettivi comuni e gioco di squadra per lo sviluppo del movimento sportivo italiano
Festival delle Città, obiettivi comuni e gioco di squadra per lo sviluppo del movimento sportivo italiano
Festival delle Città, obiettivi comuni e gioco di squadra per lo sviluppo del movimento sportivo italiano
Festival delle Città, obiettivi comuni e gioco di squadra per lo sviluppo del movimento sportivo italiano
Festival delle Città, obiettivi comuni e gioco di squadra per lo sviluppo del movimento sportivo italiano
Festival delle Città, obiettivi comuni e gioco di squadra per lo sviluppo del movimento sportivo italiano
Festival delle Città, obiettivi comuni e gioco di squadra per lo sviluppo del movimento sportivo italiano

Da martedì 1 ottobre a venerdì 4 ottobre il Complesso del Pio Sodalizio dei Piceni di Roma ha ospitato il “Festival delle Città”, organizzato da ALI - Autonomie Locali Italiane: una delle prime occasioni pubbliche per un confronto sul futuro del Paese tra amministratori locali e il nuovo Governo. Molte le tematiche affrontate nei quattro giorni, con un’attenzione particolare sulla sostenibilità e sui territori come motore di sviluppo ed elemento di coesione sociale; con l’obiettivo di rimettere al centro le città e di promuovere la buona amministrazione locale, ovvero quella più vicina al cittadino, come esempio di governabilità nazionale.

In questo contesto, all’interno del Giardino Petroselli, si è svolto l’interessante panel “Le Città dello Sport”, con gli interventi, tra gli altri, di Vincenzo Spadafora, Ministro dello Sport e delle Politiche Giovanili, Giovanni Malagò, Presidente CONI, Stefano Bonaccini, Presidente Giunta Emilia-Romagna e Andrea Abodi, Presidente dell’ICS. Un’importante momento di confronto e scambio di opinioni sulla situazione attuale dell’impiantistica del nostro Paese, con la condivisione di prospettive e di interventi comuni per la crescita del movimento sportivo italiano e la consapevolezza che per il raggiungimento di obiettivi concreti è necessario il lavoro comune e il “gioco di squadra”.

Il Credito Sportivo sta infatti cercando, sia con i Comuni sia con il Governo, di stabilire una relazione permanente affinché il tavolo delle misure finanziarie sia unico e l’agenda temporale possa dialogare con l’agenda degli interventi; con l’idea di creare per le amministrazioni del territorio il cassetto delle opportunità.

facebook twitter Share on Google+