Ci si aspettava un momento unico e indimenticabile e così è stato: l’inaugurazione del nuovo stadio della Juventus non ha tradito le aspettative. Sontuosa, emozionante, ricca di ricordi e di protagonisti della storia bianconera e non solo, la serata ha saputo regalare tante emozioni ai propri tifosi e alle migliaia di spettatori accorsi con entusiasmo per ammirare e gioire di questa opera unica nel panorama italiano. Gremito nei suoi 40 mila posti a sedere, affollato nelle numerose aree ospitalità e ristoro, il nuovo stadio appariva a tutti i presenti straordinariamente a portata di mano: mentre sembrava quasi di toccare i gloriosi protagonisti della storia passata del calcio internazionale, nella commozione dei ricordi belli e nella memoria dei dolori, ci si sentiva proiettati verso il futuro, verso una cultura sportiva nuova, diversa, capace di trasformare uno stadio in un grande teatro a cielo aperto, senza barriere e senza quelle distanze – troppo grandi- tra il pubblico e i suoi beniamini. E’ proprio la volontà di sentirsi “la gente addosso” che ha portato il Credito Sportivo ad assumersi l’onere e l’onore di questa sfida: stare con la gente significa coraggio, cuore e investimenti per il futuro. L’Ics ha fatto propri da tempo i valori sportivi come tasselli fondamentale dello sviluppo sociale del nostro paese trovando nella Juventus un alleato d’onore in questo progetto. Parafrasando le parole del capitano Del Piero “con la passione, la dedizione e la volontà si può vincere ogni sfida”.