image

FAQ

 

Da quando è possibile inviare le istanze di contributo?

Dalle ore 10:00 di martedì 3 aprile 2018 e fino alle ore 24:00 di lunedì 2 luglio 2018 mediante Posta Elettronica Certificata.

E’ importante che l’istanza di contributo sia inviata il prima possibile?

Si, perché le risorse disponibili sono assegnate con una procedura a sportello in base alla quale le istanze complete sono esaminate ed eventualmente ammesse in ordine di presentazione.

Posso fare istanza per ottenere il contributo anche se non ho inserito né posso inserire il mutuo nell’annualità 2018 del bilancio di previsione triennale 2018-2020?

No, il mutuo deve essere stipulato nel 2018 e previsto nel relativo bilancio.

Se ottengo l’ammissione preliminare a contributo e non stipulo il mutuo entro il 31/12/2018 cosa succede?

Se il mutuo non viene stipulato per motivi dipendenti dall’Ente beneficiario del contributo entro i termini previsti il contributo viene revocato.

Se il mio progetto è di importo superiore ad € 3.000.000,00 posso fare domanda lo stesso?

Si, in questo caso la quota di mutuo a 15 anni fino ad € 3.000.000,00 sarà priva di interessi mentre la parte eccedente sarà concessa ad un tasso dell’1,619%* grazie ad un contributo dello 0,70% che riduce l'interesse.

Se ho più progetti da finanziare posso presentare più istanze di ammissione?

Si, un’istanza per ogni progetto. I vari progetti saranno finanziabili con totale abbattimento degli interessi fino all’importo complessivo di € 3 milioni (€ 6 milioni per le Unioni dei Comuni ed i Comuni in forma associata, i Comuni Capoluogo, le Città Metropolitane e le Province). Ovviamente ciascun progetto sarà finanziato con totale abbattimento degli interessi nel limite di € 3.000.000,00 (l’eccedenza sarà finanziata a tasso agevolato).

Se la mia esigenza è quella di avere una rata di mutuo più bassa come posso fare?

Si può chiedere che la durata del mutuo a tasso fisso sul quale si è ottenuto il contributo in conto interessi sia superiore ai 15 anni. In tal caso il contributo concesso per azzerare la quota interessi di un mutuo a tasso fisso a 15 anni sarà distribuito in misura costante su tutto il piano d’ammortamento di un mutuo a tasso fisso di durata fino a 25 anni (vedi Allegato H Foglio informativo del mutuo).

Se la mia domanda non rientra tra quelle ammesse perché le risorse messe a disposizione dall’Avviso sono terminate cosa succede?

Si può attendere per verificare se sia possibile scorrere la graduatoria delle istanze idonee ed essere ammessi grazie a nuove disponibilità createsi a seguito di rinunce o revoche o ulteriori stanziamenti di risorse. In alternativa si può contrarre un mutuo agevolato di ICS fino a 25 anni. Ad esempio il tasso fisso di un mutuo a 15 anni è l’1,619%* grazie al contributo negli interessi concesso dall'ICS.

Posso chiedere il rilascio del parere favorevole del CONI sul progetto dopo la presentazione della domanda di contributo?

NO. L’istanza priva della richiesta del parere del CONI è inammissibile alla valutazione e respinta d’ufficio. Si consiglia, poiché il rilascio del parere CONI non è immediato, in quanto comporta un esame progettuale, di richiederlo il prima possibile attraverso l’apposito portale.

Posso inviare il parere favorevole del CONI dopo la presentazione dell’istanza?

SI. L’istanza deve essere presentata entro le ore 24:00 del 2 luglio 2018 provvista della richiesta di parere CONI mentre il parere può essere trasmesso successivamente, entro le ore 24:00 del 28 settembre 2018. L’istanza sarà considerata completa e potrà essere ammessa a contributo, se in possesso degli altri requisiti, solo al momento dell’acquisizione del parere CONI.

A cosa serve il Questionario per la qualificazione dell’agevolazione relativa a ciclodromo come aiuto di Stato (artt. 107, 108 TFUE)?

Le informazioni richieste servono ad inquadrare correttamente i contributi in conto interessi concessi in base alla normativa comunitaria sugli aiuti di Stato. Gli aiuti per le infrastrutture sportive possono non costituire aiuto di Stato (evitando così le restrizioni e gli adempimenti burocratici connessi) se relativi ad impianti sportivi non idonei ad alterare gli scambi tra Stati membri e/o nei quali non si svolge un’attività economica.

Una Comunità montana può fare domanda di contributo?

Sì, le comunità montane a norma dell’art. 27 del D.Lgs. 267/2000 (TUEL) sono delle unioni di comuni.

Se il mio comune non è in grado di contrarre mutui posso far presentare la domanda di contributo al concessionario dell’impianto sportivo comunale o alla società costituita dal comune per la gestione degli impianti sportivi comunali?

Purtroppo no, l’avviso è riservato agli Enti Locali.

Il Protocollo d’Intesa tra ICS e ANCI del 31/5/2017 consente però ai concessionari degli impianti sportivi comunali o alle società costituite dai comuni per gestire gli impianti sportivi di accedere ai finanziamenti dell’Istituto per il Credito Sportivo a tassi agevolati e senza dover partecipare all’avviso pubblico, con la possibilità, inoltre, di poter ottenere su tali mutui la garanzia del “Fondo di garanzia per l’impiantistica sportiva” fino all’80% dell’importo finanziato.

 

* tassi aggiornati al 23/02/2018

facebook twitter Share on Google+